venerdì 9 giugno 2017

La mostra di fine anno

Ieri è stato l'ultimo giorno di questo anno scolastico!!! Domani (come da tradizione, oramai ^_^) festeggeremo al Parco dei 3 Laghi a Gravellona Lomellina con genitori e bambini.
Per concludere in modo un po' diverso, ho pensato di creare una mostra che potesse riassumere i vari percorsi fatti quest'anno. Ecco allora la "documentazione" di quello che si è potuto vedere...

Lo studio sui graffiti e sulle pitture rupestri
 
Il nostro villaggio del "quasi" Neolitico...

Ricostruzione in piccolo della nostra gita all'Archeopark di Boario:

Il tavolo dedicato a tutti i "reperti" trovati nel giardino della scuola
(da quando abbiamo conosciuto la figura dell'archeologo, non c'è stato giorno in cui qualcuno non ricercasse, scavando, qualche reperto: questo ci ha permesso di fare ipotesi e di scoprire notizie sull'edificio...)
Noi, archeologi.
Ci siamo cimentati anche noi come gli archeologi a ritrovare reperti nel giardino della nostra scuola (dedicata allo scultore Giovanni Battista Ricci, nato nel 1891 a Vigevano):
è stata costruita nel 1971 dove prima c'era un campo incolto, perciò abbiamo ritrovato sassi particolari, frammenti di piastrelle, di mattoni, di cemento, utilizzati per portare a termine la costruzione. Ci siamo divertiti molto a trovarli!!!
^_^

I plastici costruiti in modo del tutto autonomo dai bambini come approfondimenti
sul vulcano e sul fiume ...
e il pannello che ci ha aiutato a studiare la geografia

Il progetto di Yoga...
 L'inglese unito a scienze
 
 Il progetto dell'opera lirica...

Abbiamo invitato tutte le classi: gli altri bimbi si alternavano nella visita alla mostra (realizzata nella nostra aula) e a turno 5 o 6 bambini della nostra classe hanno spiegato nel dettaglio tutto ciò che era in esposizione.
La cosa più emozionante di tutto questo è stato trovare alla lavagna messaggi di apprezzamento sincero da parte degli altri alunni... Con quale gioia sono venuti a dirmi: "Maestra!!! Vieni a vedere quante cose belle ci hanno scritto!!! E' piaciuta a tutti!!!"

Insomma... stanchi ma felici...
Pronti per riposarci un pochino
quest'estate...

Buone Vacanze a tutt*
^_^

lunedì 5 giugno 2017

Il Tempo come il guscio della chiocciola ^_^

Stare a scuola coi bambini rende il passare del tempo veloce all'inverosimile...
Quando abbiamo qualche compleanno da festeggiare ci rendiamo ancora più consapevoli di come il Tempo sia "ciclico e spiraleggiante", proprio come il guscio delle nostre amiche chiocciole (di cui, ogni tanto, compare  ancora qualche esemplare in classe...), lente ma determinate...
Il Tempo s-corre, ma "ritorna" e ci trova cresciuti, non uguali all'anno prima, più alti in statura e più maturi nei pensieri e nei modi di esprimerci...
Questo è il concetto di Tempo che ho cercato di trasmettere per tutto quest'anno scolastico: dalla striscia del tempo montessoriana avvolta su se stessa (che mostra, dopo quasi 5 mt di colore nero, solo 2 cm di colore rosso a testimoniare il momento in cui -secondo gli studiosi- ha fatto la sua comparsa l'Uomo sulla Terra), allo studio approfondito delle chiocciole, al simbolo grammaticale che abbiamo adottato per il verbo (una spiraletta rossa), dotato di modi e "tempi" diversi...
Ma la cosa che ci piace di più del tempo è festeggiare insieme ai compagni i compleanni!!!
Perchè per una fetta di torta e una canzone... "c'è sempre tempo"!!!

 Buon Tempo a tutt*
^_^

venerdì 2 giugno 2017

"Salti nel Tempo" per una mente creativa.

La mia passione per la cultura dei Nativi Americani in questi giorni mi ha portata a leggere un libro che avevo in casa e che non sfogliavo da tempo... Ma poichè nulla è per caso... ho scoperto che il personaggio leggendario di cui stavo leggendo, Kokopelli, apparteneva al popolo dei Pueblo (e successivamente anche a quello dei Navajo), che avevano due caratteristiche in comune con gli uomini del Neolitico (studiato quest'anno): la costruzione delle case e la religione dedita agli spiriti della Natura...
 
Villaggi Pueblo (foto dal web)

 ricostruzione della

Ho letto la storia di Kokopelli con il sottofondo musicale di un flauto dei Nativi e oltre ad averli rilassati e resi più propensi all'ascolto, li ha predisposti a porsi ulteriori domande sui reperti che abbiamo studiato e a fare parallelismi tra il mondo del Neolitico e le popolazioni dei Nativi. Complice anche un libro di Geronimo Stilton, prestatomi da uno dei bimbi sulle cascate del Niagara, che parla proprio delle popolazioni dei Nativi...
La capacità di accomunare popoli così apparenetemente lontani nel tempo e nello spazio è una delle prerogative di una mente vigile e creativa a cui tengo di più: collegare concetti, ricordi, emozioni, informazioni per creare collegamenti neuronali, motivazionali e duraturi.

Buoni "salti" a tutt*
^_^

giovedì 25 maggio 2017

Il nostro animale totemico

Quest'anno il nostro percorso di yoga è partito dalla visione di un film, "Koda fratello orso", che ci ha dato lo spunto per aggancianciare la nostra pratica (inter-multi-oltre-disciplinare) al contesto del Neolitico. Come?
Nel film, ambientato proprio nel Neolitico (al termine dell'ultima glaciazione nelle zone dell'Alaska), tra gli altri, vengono espressi i concetti di "fratellanza", "Famiglia", "responsabilità verso gli altri", "animale totemico che ci aiuta ad asprimere al meglio i nostri talenti".
Con giochi divertenti e mirati e con storie che parlano di trasformazione (sono partita dal mito di Matsyendra, il pesce diventato uomo e primo insegnante di Yoga all'umanità), siamo giunti alla scoperta del nostro animale totemico (quello di cui abbiamo già qualche caratteristica o a cui vogliamo somigliare, perchè ha delle caratteristiche che vorremmo avere anche noi) e alla trasformazione dei singoli individui in una "tribù", in cui ognuno è prezioso per l'altro e in cui, per vivere bene, c'è bisogno di lealtà, responsabilità, solidarietà e volontà.
Alla fine del percorso abbiamo creato un piccolo fascicolo con dei mandala (che ho trovato in questi libretti) degli animali che abbiamo incontrato nelle storie trasformate in posizioni.

Buona ricerca a tutt*
^_^

lunedì 22 maggio 2017

La festa della scuola

La festa della scuola quest'anno è piaciuta particolarmente!!! C'era la pizza preparata al momento (da 2 genitori che hanno la pizzeria qui in città, tra le migliori, devo dire!), c'erano tanti giochi e tanti laboratori (riuscitissimi) per tutti i bambini, c'era la gare delle torte e la gara di canto... E ci siamo divertite anche noi insegnanti...
Il tutto all'ombra dei nostri amatissimi alberi...
Buone feste scolastiche a tutt*
^_^

venerdì 12 maggio 2017

La partita del cuore...

Il calcio, si sa, è lo sport preferito dagli italiani... e dai bimbi, naturalmente, perchè non richiede che una grande dose di entusiasmo...
E infatti ne hanno così tanto quando giocano che non vorrebbero mai rientrare in classe per le lezioni del pomeriggio... E come dar loro torto?!?
Ma la cosa bella è che nella nostra classe si è addirittura formata autonomamente la tifoseria...
 che all'occorrenza va personalmente a "supportare" i giocatori!!!
Dall'altra parte del giardino intanto...
 si esprime la propria felicità per la bella stagione
e per il fatto di essere fuori a giocare!!!
Benvenuta Primavera!!!
Buoni giochi a tutt*
^_^

sabato 22 aprile 2017

Un pensiero ..."vivo"

Il contatto con la terra, il riciclo creativo e il giardinaggio nella nostra classe sono di casa... Ecco perchè come "lavoretto" (odio chiamare così queste attività che completano o approfondiscono le feste che scandiscono il ciclo delle stagioni e rendono più consapevoli del Tempo che passa... Chiamarle "lavoretti" significa sminuirle e declassarle ad un qualcosa che s'ha da fare perchè i genitori se lo aspettano!!!) abbiamo unito la festa della Pasqua (nella sua accezione più "primitiva" di festa della rinascita e di passaggio dall'Inverno alla Primavera) e quella della Terra (festeggiata il 22 aprile in tutto il mondo... occidentale, almeno!).
Quindi, tagliata una bottiglia in 3 parti, tenute quella in alto (capovolta e riempita di terra) e quella in basso (tenuta come "sottovaso" per raccogliere l'acqua in eccesso), abbiamo interrato semini di girasole e un piccolo bulbo di fresia e annaffiato con cura.
Abbiamo poi abbellito (in attesa che spuntino i fiori) con una colomba colorata ed un ovetto decorato:
"Happy Easter and a beautiful Spring!!!" l'augurio che ognuno ha portato a casa, nel cuore della propria famiglia: un augurio che ha bisogno di cure, proprio come un semino che viene accudito da noi nel migliore dei modi...
E poiché in questo periodo ho cominciato a mangiare gli avocado a scuola, qualche bimbo me ne ha chiesto il nocciolo per poterlo piantare e... si è documentato autonomamente per poterlo accudire...
Io intanto a casa ne ho messi 2 o 3 "a marinare" nell'acqua... ^_^ vedremo...

Buon Earth Day a tutt*
^_^